Storie di ingegneria

Rate this item
(0 votes)
Quando Nervi era già Nervi, volle sostenere gli esami per la libera docenza universitaria. A quel tempo, l’esame consisteva nel tenere una lezione davanti ad una commissione giudicatrice costituita da altri docenti. Come da prassi, con un giorno di anticipo, gli venne comunicato l’argomento : le volte sottili. Bene, se al mondo c’è stato un “Padre Eterno” nel campo delle volte sottili è stato Pier Luigi Nervi! Il giorno seguente mentre stava esponendo gli aspetti più profondi dell’argomento, uno degli esaminatori lo interruppe: “Ingegnere, ci vuole dire quali sono le equazioni differenziali che sono alla base della teoria delle volte…
Rate this item
(0 votes)
Io non soffro di vertigini ma quella volta che ho camminato su un grigliato keller del viadotto Italia il vuoto mi ha catturato, è stata una di quelle sensazioni che non scorderò mai! Da mozzare il fiato! 260 interminabili metri sul fiume Lao hanno fatto di questa opera il più alto viadotto d’Europa per 35 anni. Il progetto preliminare del ponte sull’autostrada A3 Sa-RC fu redatto dagli ing. F. de Miranda, C. Cestelli Guidi e C. Pellegrino Gallo, vincitori di un concorso nazionale indetto nel '64. La costruzione ebbe inizio nell'ottobre '66 e terminò a novembre '69. I lavori furono…
Rate this item
(0 votes)
55 gradi. Fuori il gelo e dentro l’inferno. Ora roccia dura come il ferro, ora friabile, che ad ogni colpo di piccone può venir giù tutto, e poi acqua, tanta acqua, fredda da dar gelare i piedi o calda da farli bollire. Un calvario lungo 7 anni per scavare i 19.800m di quella che per 76 anni sarà la galleria ferroviaria più lunga del mondo. L’opera, iniziata nel 1898, prevedeva due canne con interasse di 17m raccordate da 98 by-pass. Furono utilizzate perforatrici Brandt a rotazione, azionate ad acqua compressa a 100bar, oltre 1.500t di dinamite, e il sudore di…
Rate this item
(0 votes)
Immaginate un unico enorme macchinario lungo 150m e immaginate di doverlo “vestire” con un edificio che dia la possibilità di girarci intorno senza ostacoli. Poi immaginate che vi chiedano di dover istallare un domani un altro macchinario identico e raddoppiare quindi il “vestito”. Come risolvereste il problema? Pier Luigi Nervi, nel 1962, risolse il problema progettando “un ponte sospeso”! Avete capito bene, lo stabilimento di Mantova delle Cartiere Burgo che ospita la macchina continua che trasforma la pasta di legno in carta da giornale e l'avvolge in grosse bobine altro non è che una struttura sospesa utilizzata per “coprire” invece…
Rate this item
(0 votes)
Sembrava che la terra si fosse increspata per accogliere quel nastro perfetto di dussier del Camerun sul quale si erano rincorsi sogni olimpici. Lo stupore era unanime: è il più bello del mondo!! Unico tra tutti gli impianti delle Olimpiadi di Roma del '60, il suo progetto fu scelto con un concorso. A vincere fu il gruppo degli architetti C. Ligini, D. Ortensi e S. Ricci, strutture dell’ing. F. Guidi. A realizzare l’impianto dal '57 fu l’impresa Palmieri, mentre la splendida pista in legno fu realizzata dalla milanese Bonfiglio & C. di Milano su progetto degli architetti C. e H.…
Rate this item
(0 votes)
Dicono che la difficoltà aguzza l’ingegno, a noi italiani non è mai mancata né l’una né l’altra cosa. Quando l’Ing Claudio Marcello si trovo davanti alla forra scavata dal torrente Noce nelle montagne della Val di Non comprese subito che quella roccia fratturata non lo avrebbe fermato dal realizzare la diga più alta che avesse mai visto. Siamo all’inizio degli anni ’30, il progetto è ambizioso, una diga ad arco alta 152 m, spessa 16,50 m alla base e 3,50 m al coronamento, 110.000 mc di calcestruzzo per domare la spinta di un invaso di 180 mln di mc d’acqua.…
Rate this item
(0 votes)
“Madona, Signur! L’è propi brüta!” “Ma te se drè a dì? L’è anima de Milan!" È bella? È brutta? Questa domanda ha diviso milanesi, e non, da quando la Torre Velasca si affacciò nel '57 sullo skyline di Milano. Il dibattito continua ancora oggi, per Philippe Daverio è un “capolavoro assoluto”, mentre per Vittorio Sgarbi è addirittura “paradigma della civiltà dell’orrore”. L'idea progettuale dello Studio BBPR e dell'ing. Danusso prevedeva inizialmente una torre in ferro, scartato in favore del c.a. per gli alti costi. Per costruirla l’impresa SOGENE di Roma(!) impiegò 292 giorni, 8 in meno del tempo contrattuale. La…