Blog

Rate this item
(0 votes)
Turchese! Un colore così vivido che non riesci a credere che stai guardando l’acqua con i tuoi occhi. Non c’è fotoritocco, non c’è finzione, è semplicemente una vista che mozza il fiato!A fare da argine a questo spettacolo della natura c’è un’opera dell’uomo: la diga di Place Mulin.Le acque del torrente Buthier incontrano lungo la Valpelline (Val d’Aosta), a quota 1830 m s.l.m., una della diga più imponenti d’Europa. Alta 155 m, spessa 6,44 m al coronamento e 42 m alla base, con uno sviluppo di 678 m è la seconda diga più alta d’Italia.Progettata dall’Ing. Aniceto Rebaudi e costruita…
Rate this item
(0 votes)
- Ma insomma, architetto! Dove vuole arrivare? Prima 47m, poi 70, poi 90, poi 113, e ora?? - Ma che domanda? Voglio realizzare l’edificio in muratura più alto del mondo! Alessandro Antonelli ci riuscì! Nel 1888, anno della sua morte, il simbolo di Torino poteva dirsi praticamente compiuto. 167,5m! Inizialmente pensato per ospitare il nuovo tempio ebraico, fu successivamente acquisito dal comune di Torino per dedicarlo al re Vittorio Emanuele II. La grande cupola a base quadrata è realizzata in muratura autoportante, due gusci di soli 12cm di spessore separati da un’intercapedine di 2m. Sulla sommità della guglia venne posto…
Rate this item
(0 votes)
Le rocce della Gola del Furlo ancora ricordano bene il giorno in cui l’Imperatore Vespasiano, percorrendo l’impervio sentiero nel quale la via Flaminia in quel punto si stringeva, aulicamente, ma con stentorea voce, disse “Ma ‘ndo me state a fa passà? Ma ‘nse po’ bucà sta montagna che se fa prima?!” (Where are you taking me? Let's dig the mountain so we can pass more easily!) Fu così che tra il 76 e il 77 d.c. venne realizzato un tunnel stradale lungo 38,30 m, largo 5,50 m, alta 5,95 m, tutto scavato nel calcare compatto a colpi di scalpello, così…
Rate this item
(0 votes)
Quando Nervi era già Nervi, volle sostenere gli esami per la libera docenza universitaria. A quel tempo, l’esame consisteva nel tenere una lezione davanti ad una commissione giudicatrice costituita da altri docenti. Come da prassi, con un giorno di anticipo, gli venne comunicato l’argomento : le volte sottili. Bene, se al mondo c’è stato un “Padre Eterno” nel campo delle volte sottili è stato Pier Luigi Nervi! Il giorno seguente mentre stava esponendo gli aspetti più profondi dell’argomento, uno degli esaminatori lo interruppe: “Ingegnere, ci vuole dire quali sono le equazioni differenziali che sono alla base della teoria delle volte…
Rate this item
(0 votes)
Io non soffro di vertigini ma quella volta che ho camminato su un grigliato keller del viadotto Italia il vuoto mi ha catturato, è stata una di quelle sensazioni che non scorderò mai! Da mozzare il fiato! 260 interminabili metri sul fiume Lao hanno fatto di questa opera il più alto viadotto d’Europa per 35 anni. Il progetto preliminare del ponte sull’autostrada A3 Sa-RC fu redatto dagli ing. F. de Miranda, C. Cestelli Guidi e C. Pellegrino Gallo, vincitori di un concorso nazionale indetto nel '64. La costruzione ebbe inizio nell'ottobre '66 e terminò a novembre '69. I lavori furono…
Rate this item
(0 votes)
55 gradi. Fuori il gelo e dentro l’inferno. Ora roccia dura come il ferro, ora friabile, che ad ogni colpo di piccone può venir giù tutto, e poi acqua, tanta acqua, fredda da dar gelare i piedi o calda da farli bollire. Un calvario lungo 7 anni per scavare i 19.800m di quella che per 76 anni sarà la galleria ferroviaria più lunga del mondo. L’opera, iniziata nel 1898, prevedeva due canne con interasse di 17m raccordate da 98 by-pass. Furono utilizzate perforatrici Brandt a rotazione, azionate ad acqua compressa a 100bar, oltre 1.500t di dinamite, e il sudore di…
Rate this item
(0 votes)
Immaginate un unico enorme macchinario lungo 150m e immaginate di doverlo “vestire” con un edificio che dia la possibilità di girarci intorno senza ostacoli. Poi immaginate che vi chiedano di dover istallare un domani un altro macchinario identico e raddoppiare quindi il “vestito”. Come risolvereste il problema? Pier Luigi Nervi, nel 1962, risolse il problema progettando “un ponte sospeso”! Avete capito bene, lo stabilimento di Mantova delle Cartiere Burgo che ospita la macchina continua che trasforma la pasta di legno in carta da giornale e l'avvolge in grosse bobine altro non è che una struttura sospesa utilizzata per “coprire” invece…