Written by  Gianluca Botti

22# LA GRANDE GALLERIA DELL'APPENNINO

(1 Vote)

“Sono 6 mesi che brucia, sto maledetto! Una mattina abbiamo dato fuoco ad una miccia per farci strada nella montagna e il grisù ha preso fuoco, ed è ancora lì brucia! Abbiamo trovato tanta di quell’acqua che siamo riusciti a dare da bere a Bologna e Pistoia! Questa montagna è tosta, ma noi di più! Firenze e Bologna un giorno saranno collegate da una galleria dritta come uno spago teso!”

Mi piace pensare che questa fosse la grinta di un operaio della Grande Galleria dell’Appenino sulla linea Direttissima. Inaugurata il 22 aprile 1934 dopo 11 anni di lavoro, con i suoi 18.507 metri di lunghezza, al tempo, era la seconda galleria più lunga al modo, ancora oggi è la 16°!

Fu scavata, oltre che partendo dagli imbocchi, anche da un fronte di scavo centrale raggiunto per mezzo di due discenderie inclinate e parallele che , a fine lavori, avrebbero ospitato per 30 anni l'accesso ad una delle poche stazioni ferroviarie sotterranee al mondo: La Stazione Precedenze, dismessa negli anni '60 per scarsità di traffico.

Voglio dedicare un pensiero alle vittime delle stragi dei treni Italicus e 904 che negli "anni di piombo" in questa galleria trovarono la morte per mano dei terrorismo.

socialshare

share on facebook share on linkedin share on pinterest share on youtube share on twitter share on tumblr share on soceity6