Storie di ingegneria

Rate this item
(1 Vote)
“Sono 6 mesi che brucia, sto maledetto! Una mattina abbiamo dato fuoco ad una miccia per farci strada nella montagna e il grisù ha preso fuoco, ed è ancora lì brucia! Abbiamo trovato tanta di quell’acqua che siamo riusciti a dare da bere a Bologna e Pistoia! Questa montagna è tosta, ma noi di più! Firenze e Bologna un giorno saranno collegate da una galleria dritta come uno spago teso!” Mi piace pensare che questa fosse la grinta di un operaio della Grande Galleria dell’Appenino sulla linea Direttissima. Inaugurata il 22 aprile 1934 dopo 11 anni di lavoro, con i…
Rate this item
(0 votes)
Avete presente quel silenzio opprimente che si avverte dopo una nevicata? È un silenzio che sembra schiacciarti, un silenzio pesante! Nella notte del 17 Gennaio 1985, la copertura del Palasport di San Siro quel silenzio non lo ha retto più e sotto il peso della più imponente nevicata degli ultimi 30 anni è collassata mettendo fine alle urla di passione che si potevano ascoltare in una delle più belle strutture sportive che il mondo abbia mai visto. L’impianto, progettato dallo Studio Valle e dall’Ing. Romaro (strutture), fu costruito dalla Società Condotte. Una struttura in cemento armato a pianta ellittica ospitava…
Rate this item
(0 votes)
“«I viaggiatori ne dicono che tal generazione di Ponti vien costumata da' Cinesi, e da' Peruani. I cinesi, però, ed i Peruani, non sono le nazioni le più culte della terra, e perciò i loro prodotti risentir debbono della debolezza de’ loro ingegni.»” “Ma, ingegner Stile, è la nuova frontiera dell'ingegneria!” “Non se ne parla! Fino a quando ci sarò io al Corpo Borbonico dei Ponti diavolerie del genere non se ne costruiranno!" Fortunatamente il re Ferdinando I di Borbone, di parere opposto, diede incarico all’Ing. Giura di realizzare sul fiume Garigliano il primo ponte sospeso a catenaria d’acciaio d’Italia,…
Rate this item
(0 votes)
“Veemente dio d'una razza d'acciaio, Automobile ebbrrra di spazio!, che scalpiti e frrremi d'angoscia rodendo il morso con striduli denti..” Così il poeta futurista Marinetti esaltava il progresso rappresentato dalla nuova civiltà delle macchine, la velocità, il dinamismo della vita moderna! Nel 1915, a Torino, veniva eretto il tempio di questa nuova civiltà: Lo Stabilimento FIAT del Lingotto! Il progetto generale fu affidato all'ingegner Mattè-Trucco, insieme a Francesco Cartasegna e Vittorio Bonadè Bottino, che seguirono il modello degli stabilimenti statunitensi Ford. Le strutture furono progettate dall'ingegner Porcheddu, concessionario per l'Italia del brevetto Hennebique per la realizzazione di strutture in calcestruzzo…
Rate this item
(0 votes)
Dite la verità! Tutti da bambini avete attaccato il naso sulle vetrate di un autogrill a ponte incantati dalla magia delle macchine che vi sfrecciavano sotto!! E ancora oggi, quando se ne incontra uno, i ricordi vanno inesorabilmente ai viaggi con papà e mamma sulla strada delle vacanze. Ora, per molti sono scomodi e anacronistici, ma rimangono un simbolo di un Italia ottimista negli anni del boom economico. La novità arriva dagli Stati Uniti. In Italia, primi in Europa, tra il '59 e il '71 ne vengono costruiti oltre una dozzina. Il primo, nel '59, firmato da Angelo Bianchetti, fa…
Rate this item
(1 Vote)
Braccia e gambe, muscoli e tendini. 36 atleti tesi nello sforzo di reggere il peso di un “cielo” di cemento armato ricamato come un merletto. Gesto atletico che sostiene lo spazio dei gesti atletici, lo spazio dei sogni olimpici. E’ il 1956, le olimpiadi romane sono alle porte, serve un palazzetto moderno, funzionale ed elegante per ospitare le competizioni. Il Coni si rivolge a Pier Luigi Nervi ed Annibale Vitellozzi. Dalle loro menti esce una delle opere più iconiche dell’architettura moderna del nostro paese. Una cupola tesa, orlata come un tessuto prezioso, di 78 m di diametro realizzata con moduli…
Rate this item
(1 Vote)
Il Re, la Regina, 48 dignitari, 60 ufficiali, 30 fanti, 30 artiglieri, 60 marinai e, sull’ultima carrozza, la banda della Guardia Reale al gran completo. Con questo carico, esattamente 179 anni fa (3 ottobre 1839) partì a da Portici il primo convoglio ferroviario della storia della penisola. Due ali festanti di folla accompagnarono il convoglio reale mentre la locomotiva a vapore “Vesuvio”, costruita in Inghilterra da George e Robert Stephenson nelle officine di Longridge, sfrecciava alla impressionante velocità di 50 km/h, trainando 7 carrozze grazie alla sua sconfinata potenza, 65 CV! Il percorso di 7,25 km a doppio binario di…