Storie di ingegneria

Rate this item
(0 votes)
Agosto, un caldo da far sciogliere i pensieri! Ma di cosa vogliamo parlare? L’unica cosa che mi viene in mente è un bel gelato, magari un bel cornetto Algida! Primo morso la granella di nocciole, poi la panna che ti rinfresca e dulcis in fundo la punta ripiena di cioccolato!! Il Cornetto nasce, nel 1959, dall’idea, brevettata, della gelateria Spica di Napoli di rivestire il wafer con uno strato di cioccolato per impedire che il gelato lo inzuppasse. Difficoltà logistiche e produttive portarono Spica a cedere il brevetto all’Unilever che aveva da poco assorbito l’Algida dell’ingegnere austriaco, naturalizzato italiano, Alfred…
Rate this item
(0 votes)
“Maestà ho un’idea!!” esclamo l’ingegnere. “Facciamo un bel traforo ferroviario sotto il Colle del Frejus! “ “Ma noo… la Savoia la sto dando via! Un certo Garibaldi mi ha offerto un affarone giù al sud!” Cavour, da dietro i suoi occhiali tondi sorrise sornione: “Scaviamolo lo stesso, ci facciamo pagare dai francesi…” Non andò proprio così, ma ci piace immaginare questa scena. L’idea in realtà usci dalla mente di Giuseppe Francesco Medail nel 1832, si dovette attendere il 1857 perché Vittorio Emanuele II desse inizio ai lavori sulla base del progetto definitivo dell’ing. Sommeiller. La cessione della Savoia mise in…
Rate this item
(0 votes)
Avete mai provato ad attraversare Roma con il G.R.A. chiuso? Se vi è capitato sono sicuro che vi siete sentiti come Michel Douglas in “Un giorno di ordinaria follia” e solo allora avete capito quanto il G.R.A. sia importante per la vita di 4,5 milioni di persone! Eppure, non tutti ne sono stati sempre convinti. Quando nel 1946 l’ingegner Eugenio Gra ne sostenne la necessità molti lo considerarono un megalomane! Troppo lunga, troppo lontana dalla città, troppo distante dalle reali necessità di una città segnata dalla guerra, sproporzionata per il traffico dell’epoca. Ma Gra aveva la lungimiranza di vedere nel…
Rate this item
(1 Vote)
Avete mai visto una gara di sogni? Nel 1969 in Italia fu indetto non un semplice concorso di idee per l'attraverso stabile dello stretto ma una vera sfida tra le VISIONI ingegneristiche più ardite che la mente umana avrebbe potuto produrre. 143 progetti presentati, di cui 18 stranieri. Ogni soluzione era accettata, non vi erano limiti alla fantasia e al genio! I vincitori ex equo furono 6 tra i quali il Gruppo Musmeci con un ponte sospeso con luce di 3 km e pile alte 600 m, di un'eleganza mozzafiato; il gruppo Grant Alan & Partners con un tunnel a…
Rate this item
(0 votes)
Ore 22,39 del 9 ottobre 1963, una frana di 270 milioni di metri cubi si stacca dal Monte Toc e precipita nell’invaso generando un’onda alta più di 250 m che scavalca la diga… Questa storia che ha inizio dall'avidità umana e che finisce con 1917 morti la conosciamo tutti. Questa storia ha nel mezzo LA DIGA PIU' ALTA D'ITALIA, ostinatamente voluta e costruita nel posto sbagliato. Progettata dall'ing. Carlo Semenza e realizzata dall'impresa Giuseppe Torno & C. S.p.A. di Milano tra l’estate del '57 e il settembre del '60, la diga ad arco a doppia curvatura in calcestruzzo è alta…
Rate this item
(0 votes)
Stai pensando al Frejus? O al San Gottardo? No! Il primo sono io! Sono lungo 75 m! Tu dirai: non sei un traforo, sei un buco!! Si! Sono il BUCO DI VISO!! Mi hanno scavato nel 1479 in due estati, con “ ferro, fuoco, acqua bollente ed aceto”, a 2.882 slm, 80 m sotto la cresta del Monte Granero (CN). Mio padre è marchese di Saluzzo Ludovico II Del Vasto, mi ha voluto per i suoi traffici commerciali con la Francia, per evitare il pericoloso Colle delle Travesette. Ai miei tempi non c’erano topografi, quindi sono leggermente curvo ed in…
Rate this item
(1 Vote)
"Questa volta l'ingegnere ci lascia la pelle!" Gli operai guardavano preoccupati quell'omino seduto su una sedia sotto l'enorme volta che si stava velocemente assestando. Ma Pier Luigi Nervi credeva!! Credeva in sé stesso e nella forza delle sue idee. Sapeva e credeva! Robuste, costruite per durare e resistere agli attacchi bellici, hanno avuto vita breve: costruite dalla sua impresa "Nervi e Bartoli" tra il '40 e il '42 sono state demolite dai guastatori tedeschi nel '44. Un'unica volta nervata a "padiglione estrusa" realizzata in cemento armato di 100 x 36 m, alta 25 m, cinta da una trave orizzontale piana…